Il rischio di avvelenamento da cioccolato nei cani cresce a Natale

Avvelenamento da cioccolata nei cani

I ricercatori dell’Università di Liverpool mettono in guardia dal rischio di avvelenamento da cioccolata nei cani durante il periodo natalizio.

Molti di noi sanno che il cioccolato può essere velenoso per i cani ma potrebbe non conoscerne il motivo. L’ingrediente tossico è uno stimolante simile alla caffeina chiamato teobromina che può causare disturbi allo stomaco, battito cardiaco accelerato, disidratazione, convulsioni e nei casi più gravi la morte.

In un nuovo studio pubblicato nel Vet Record, i ricercatori della SAVSNET (Small Animal Veterinary Surveillance Network) dell’Università hanno utilizzato i database sanitari provenienti dagli ambulatori veterinari del Regno Unito per analizzare i casi di ingestione di cioccolato nei cani.

I risultati rivelano significativi picchi stagionali dei casi di ingestione di cioccolato durante l’anno, in particolare a Natale e in misura minore a Pasqua, visto che il cioccolato diventa più accessibile all’interno della casa.

Nella maggior parte dei casi la quantità di cioccolato consumata era piuttosto piccola, dovuta ai classici “colpevoli” delle feste, tra cui le confezioni regalo, le torte al cioccolato, liquori, cioccolato e i calendari dell’avvento.

Il ricercatore veterinario Dr P-J.M. Noble che ha guidato lo studio ha commentato: “I cani adorano la cioccolata e a Natale le occasioni abbondano, purtroppo i cani non la possono mangiare in modo sicuro, e così molti di loro finiscono per fare una visita fuori programma al veterinario”.

“Le persone dovrebbero tenere i cioccolatini lontani dagli animali domestici: se viene consumato cioccolato dai cani, i proprietari dovrebbero consultare il veterinario il prima possibile e idealmente essere pronti a indicare la quantità e il tipo di cioccolato consumato. In molti casi il consumo di cioccolato non è a livelli tossici, ma ove fosse il casoo, è meglio consultare rapidamente il veterinario “.

La ricerca, che ha analizzato 386 casi di ingestione di cioccolato nei cani da 229 ambulatori veterinari del Regno Unito tra il 2013 e il 2017, ha rivelato alcune differenze nel modello stagionale dei casi del Regno Unito rispetto ad altri paesi. Picchi di casi simili, a San Valentino e Halloween, che sono segnalati tipicamente negli Stati Uniti e in Germania non sono stati trovati nel Regno Unito. Questo sembra ovviamente dovuto alle diverse tradizioni in occasione delle feste.

Lo studio ha anche rilevato che l’ingestione di cioccolato era significativamente meno comune nei cani anziani e che nessuna razza specifica è più a rischio di altri.

Il dott. Noble ha aggiunto: “I big data ci permettono di effettuare studi su vasta scala di problemi come l’esposizione al cioccolato. Questo ci aiuterà a capire l’influenza di età, razza, stagione e della geografia su una vasta gamma di problemi diversi”.

Univ. of Liverpool
Informazioni su Univ. of Liverpool 1 Articolo
For advancement of learning and ennoblement of life. This has been our mission since the University was founded in 1881. To this day, these values focus our efforts as we strive to achieve our ambitions and tackle the grand challenges of the age.