L’ormone che potrebbe rendere aggressivo il tuo cane

L’ormone che potrebbe rendere aggressivo il tuo cane

Per alcuni proprietari di cani, una passeggiata piacevole può diventare stressante nel momento in cui il loro compagno canino vede un altro suo simile che cammina. I cani con quello che è noto come “guinzaglio aggressivo” possono abbaiare, ringhiare o lanciarsi contro altri cani durante le passeggiate, preparandosi per un’interazione tesa e potenzialmente pericolosa.

Ma perché alcuni cani si scagliano quando sono al guinzaglio mentre altri no? Gli ormoni potrebbero essere, almeno in parte, da biasimare, secondo una nuova ricerca condotta da Evan MacLean dell’Università dell’Arizona.

Endogenous Oxytocin, Vasopressin, and Aggression in Domestic Dogs

Sebbene numerosi studi abbiano esaminato il ruolo del testosterone e della serotonina nell’aggressività dei cani e di altri mammiferi, questi ormoni potrebbero essere solo una parte della storia, secondo le scoperte di MacLean, pubblicate in un numero speciale della rivista Frontiers in Psychology.

MacLean e i suoi collaboratori hanno studiato specificamente ossitocina e vasopressina – ormoni che si trovano anche negli esseri umani – e hanno scoperto che possono giocare un ruolo importante nel modellare il comportamento sociale dei cani.

Una migliore comprensione della biologia che sottende l’aggressività canina potrebbe aiutare allo sviluppo di opportuni interventi, ha detto MacLean, assistente professore di antropologia e direttore del Centro di Cognizione Canina dell’Arizona nella UA School of Anthropology.

“L’aggressività dei cani è un problema enorme: migliaia di persone vengono ricoverate ogni anno per morsi di cani, soprattutto bambini, e l’aggressività è uno dei motivi principali per cui i cani vengono ceduti ai rifugi”, ha detto MacLean. “Se ci sono modi per intervenire e influenzare i processi biologici che producono aggressività, ciò potrebbe avere un enorme beneficio sia per le persone che per i cani.”

MacLean era interessato all’ossitocina e alla vasopressina – a volte pensate come ormoni “yin e yang” – a causa della crescente ricerca sul loro ruolo nella biologia del comportamento sociale.

L’ossitocina, che è significativa durante il parto e l’allattamento, a volte viene chiamata “ormone dell’amore“, poiché i suoi livelli negli umani aumentano quando abbracciamo o baciamo una persona cara. La vasopressina è un ormone strettamente correlato alla ritenzione idrica nel corpo. In contrasto con l’ossitocina, è stato collegato all’aggressività negli esseri umani, con ricerche che suggeriscono che le persone con problemi di aggressività cronica abbiano alti livelli di vasopressina.

Per lo studio in corso, MacLean ei suoi collaboratori hanno reclutato cani di diverse età, razza e sessu, i cui proprietari avevano denunciato episodi da “guinzaglio aggressivo”. Per ogni cane aggressivo reclutato, i ricercatori hanno trovato un cane non aggressivo dello stesso sesso, età e razza per fungere da paragone.

Durante l’esperimento, ogni cane è stato tenuto al guinzaglio dal suo proprietario. Dall’altra parte della stanza, uno sperimentatore ha suonato l’audio di un cane che abbaia dietro una tenda, prima di tirare indietro la tenda per rivelare un modello di cane realistico con un conduttore umano. Ai cani nello studio inoltre sono stati presentati alcuni rumori quotidiani e tre oggetti comuni: una scatola di cartone, un sacchetto della spazzatura e una palla gonfiabile per lo yoga. Le risposte dei cani e i livelli ormonali sono stati misurati prima e dopo l’interazione.

Mentre nessuno dei cani nello studio ha reagito in modo aggressivo verso la scatola, il sacchetto o la palla, molti dei cani nel gruppo di “guinzaglio aggressivo” hanno avuto risposte aggressive contro il cane modello, abbaiando, ringhianso e cercando l’attacco. I cani che hanno reagito in modo aggressivo hanno mostrato livelli più elevati di vasopressina totale nei loro sistemi, suggerendo un legame tra la vasopressina e l’aggressività.

I ricercatori non hanno osservato differenze nei livelli di ossitocina tra i due gruppi di cani. Tuttavia, quando hanno confrontato i livelli di ossitocina dei cani utilizzati nello studio con un gruppo di cani da assistenza, che sono specificamente allevati per avere temperamenti non aggressivi, hanno scoperto che i cani da assistenza avevano livelli più elevati di ossitocina e un più elevato rapporto ossitocina-vasopressina. Questo supporterebbe la convinzione che l’ossitocina possa aiutare a inibire l’aggressività nei cani.

“Vedere alti livelli di ossitocina nei cani da assistenza è completamente coerente con il loro fenotipo comportamentale – essendo cani molto amichevoli e non aggressivi verso le persone o altri cani”, ha detto MacLean.

Gli interventi terapeutici esistenti per i problemi comportamentali dei cani spesso hanno come obiettivo il testosterone e la serotonina – gli altri due ormoni più comunemente studiati nel contesto dell’aggressività canina. I proprietari di cani maschi comunemente ricorrono alla castrazione per gestire i livelli di testosterone, che è stato collegato all’aggressività. E per gestire i livelli di serotonina, che si ritiene riduca l’aggressività, ad alcuni cani vengono prescritti SSRI o inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, il tipo più comune di antidepressivi.

La ricerca futura potrebbe prendere in considerazione nuovi interventi focalizzati sulla vasopressina e l’ossitocina, ha detto MacLean.

“E’ ragionevole pensare che se la vasopressina facilita l’aggressività, si possano sviluppare farmaci che possano controllare il sistema della vasopressina, per la cura dei casi in cui i cani sono veramente aggressivi”, ha detto. “L’ossitocina e la vasopressina sono ampiamente utilizzate in questo momento come terapie nell’uomo. La regolazione del sistema dell’ossitocina è stata utilizzata per disturbi che vanno dall’autismo alla schizofrenia, al disturbo da stress post-traumatico, e ci sono studi clinici che consigliano la somministrazione di ossitocina come farmaco per creare una sorta di risposta comportamentale. È interessante pensare che forse alcune di queste stesse terapie che stiamo provando con le persone potrebbero essere utili anche nei cani.”

Per quanto riguarda il motivo per cui alcuni cani hanno livelli più elevati di vasopressina, l’esperienza di vita può essere un fattore, ha detto MacLean.

“Molti lavori dimostrano che le esperienze della vita possono cambiare il modo in cui funzionano gli ormoni”, ha detto MacLean. “Per molti cani che hanno problemi di aggressività, i proprietari riferiscono che l’insorgenza dei sintomi è avvenuta dopo una qualche esperienza traumatica, spesso il cane è stato attaccato da un altro cane e dopo quell’evento si trova in uno stato ipervigilante – quasi come una reazione post-traumatica.”

Una buona notizia per i proprietari e i loro cuccioli: un modo per aumentare i livelli di ossitocina nei cani e diminuire la vasopressina è attraverso le interazioni amichevoli cane-uomo. E l’effetto si estende anche alle persone.

“Lavori precedenti dimostrano che le interazioni amichevoli tra cani e umani possono creare un rilascio di ossitocina nei cani, e quando i cani interagiscono con le persone, osserviamo che i loro livelli di vasopressina diminuiscono nel tempo”, ha detto MacLean. “Questi sono effetti bidirezionali: quando stiamo accarezzando un cane, non è solo lui ad avere questa risposta ormonale – ma l’abbiamo anche noi”.

La redazione di Epylabs