Lo stress lavorativo è legato all’insorgere della malattia mentale

Stress lavorativo e malattia mentale

Secondo una nuova ricerca condotta dl Black Dog Institute, i luoghi di lavoro, riducendo lo stress lavorativo, potrebbero prevenire fino al 14% i nuovi casi di malattie mentali comuni.

Pubblicati oggi su Lancet Psychiatry, i risultati confermano che l’alta tensione lavorativa è associata ad un incremento del rischio nello sviluppare disturbi mentali comuni, come la depressione e l’ansia tra i lavoratori di mezza età.

“Stress Lavorativo” è un termine usato per descrivere la combinazione di un elevato ritmo lavorativo, intensità e richieste contrastanti insieme ad un basso controllo o capacità decisionale.

“La malattia mentale è la causa principale dell’assenza per malattia e dell’incapacità lavorativa a lungo termine in Australia, pari a $11 miliardi persi dalle imprese australiane ogni anno” ha detto l’autore principale Samuel Harvey del Black Dog Institute. “La nostra simulazione ha utilizzato dei dati che sono stati raccolti per oltre 50 anni, per esaminare i vari modi in cui determinate condizioni di lavoro possono influire sulla salute mentale di un dipendente”.

“Questi risultati servono come campanello d’allarme per il ruolo che le iniziative sul posto di lavoro dovrebbero svolgere nei nostri sforzi per frenare l’aumento dei costi dei disturbi mentali”.
“È importante ricordare che, per la maggior parte delle persone, essere al lavoro è una buona cosa per la loro salute mentale. Ma questa ricerca fornisce una prova evidente che le aziende possono migliorare il benessere dei dipendenti, modificando i loro luoghi di lavoro per renderli mentalmente più sani.”

Il team di ricerca internazionale ha analizzato i dati sulla salute del National Child Development Study del Regno Unito, un ampio studio britannico di coorte. Esaminando 6870 partecipanti, il team ha studiato in quale tipologia di casi le persone con problemi di tensione a 45 anni, avessero un rischio maggiore di sviluppare malattie mentali a 50 anni.

Per determinare i livelli di stress lavorativo, i partecipanti 45-enni hanno completato questionari, testando fattori quali l’autorità decisionale (la capacità di prendere decisioni sul lavoro), la discrezione delle abilità (l’opportunità di usare le abilità durante il lavoro) e domande sul ritmo di lavoro, l’intensità e le richieste contrastanti.

I ricercatori hanno anche preso in considerazione fattori non inerenti all’ambito lavorativo, come il divorzio, i problemi finanziari, l’instabilità abitativa e altri eventi stressanti della vita come la morte o la malattia. I modelli sviluppati nello studio controllato per temperamento individuale e personalità dei singoli lavoratori, il loro quoziente intellettivo, livello d’istruzione, problemi di salute mentale già presenti e una gamma di altri fattori presenti nella loro giovinezza.

All’età di 50 anni poi, i partecipanti hanno completato il questionario “Malaise Inventory”, una scala psicologica, utilizzata nelle indagini sanitarie per indicare i sintomi della comune malattia mentale.
La modellizzazione finale suggerisce che coloro che hanno maggiori esigenze lavorative, un minore controllo del lavoro e una maggiore tensione lavorativa hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie mentali all’età di 50 anni, indipendentemente dal sesso o dalla classe lavorativa.

“La nostra ricerca ha tentato di spiegare le possibili ragioni per cui le condizioni di lavoro di un individuo potrebbero avere un impatto sulla salute mentale – e questa simulazione è la più completa mai pubblicata” ha affermato il professore associato Harvey.

“I risultati mostrano che se fossimo in grado di eliminare le situazioni di tensione sul posto di lavoro, si potrebbe evitare fino al 14% dei casi di malattia mentale comune. I luoghi di lavoro possono adottare una serie di misure per ridurre la tensione sul lavoro e trovare modi per aumentare il controllo percepito dei lavoratori sul loro lavoro è spesso un buon primo passo pratico, che può essere raggiunto attraverso iniziative che coinvolgono i lavoratori in quante più decisioni possibili”.

La redazione di Epylabs